<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=519691228423476&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">

Certificazione Trunk SIP: la nuova frontiera della telefonia multinumero aziendale

Come il Trunk SIP, la soluzione VoIP nativa, risponde efficacemente alle esigenze telefoniche multinumero delle aziende di oggi e dei moderni contact center

La modalità Trunk SIP è la nuova frontiera della telefonia e della comunicazione aziendale. Nell’ambito delle telecomunicazioni, con l’espressione SIP Trunking ci si riferisce a una soluzione VoIP nativa fondata sul protocollo SIP (Session Initiation Protocol) che permette di unificare traffico e voce in un unico canale, il Trunk, appunto. Poiché si tratta di un protocollo che deve garantire alcune caratteristiche di natura infrastrutturale che rispondano anche a specifiche normative, sono i grandi operatori telefonici (i cosiddetti telco operator) a gestirlo e a farsi garanti nei confronti dell’autorità di quanto prescrive la legge in materia di tracciabilità, identificazione chiamata, ecc. In alternativa, possono utilizzare il Trunk SIP anche le aziende che offrono servizi di telefonia a patto che si siano sottoposte a un processo certificatorio da parte di uno o più telco operator. Le certificazioni si ottengono dopo dei test che verificano funzionalità e capacità di interconnettere gli apparati (hardware e software) delle imprese alle centrali pubbliche di competenza degli operatori di telefonia che ne possiedono l’esclusiva. In Italia, solo pochi vendor di software per contact center possono vantare di avere superato con successo questo “esame”.

Con il Trunk SIP solo configurazione e non più installazione

Per capire come il ricorso al Trunk SIP stia rivoluzionando il sistema di comunicazione delle aziende, basterà ricordare che fino a qualche anno fa (e in gran parte tuttora in Italia) le imprese con esigenze telefoniche multinumero si appoggiavano alla classica linea ISDN: il suo funzionamento si basa, per la parte voce, sul collegamento al doppino di rame e, per quella di traffico dati, all’interconnessione di un cavo di rete (detto RJ45) con un router. Con il Trunk SIP tutto questo non serve più. L’unica condizione è la disponibilità di una buona connessione Internet. Per il resto, le linee telefoniche sono collegate virtualmente tramite un indirizzo IP e nel caso in cui ne servissero altre, per aumentare i canali a motivo di un flusso incrementale, si possono agevolmente accrescere con una nuova configurazione. Sta qui la differenza sostanziale: non più installazione, ma nuova configurazione. Il che si traduce in flessibilità e risparmio di tempo e denaro. Si pensi a una prima fase nella quale un’impresa intenda dare vita a un proprio contact center oppure ristrutturarlo con criteri di maggiore efficienza. In tale fase, molto probabilmente, avrà solo un’ipotesi della capienza necessaria e del numero di canali telefonici da utilizzare. Una soluzione Trunk SIP si presta a una successiva riconfigurazione che tenga conto del traffico reale, e delle sue variazioni, ricavato dall’effettiva relazione con la clientela.

SIP Trunking: il cloud della telefonia

Per fare un paragone, si potrebbe dire che il SIP Trunking è il cloud della telefonia. Per questo un altro vantaggio, oltre a flessibilità e risparmio, risiede nell’intercettare una tendenza sempre più sentita da parte delle aziende: la virtualizzazione delle proprie architetture tecnologiche. La migrazione sul cloud oggi è dettata da diversi fattori:

  • costi inferiori di manutenzione hardware e software;
  • spazio molto più ampio su server esterni;
  • capacità di calcolo esponenzialmente più veloce;
  • minore impegno, da parte di personale IT, nel tenere sotto controllo e aggiornare il parco macchine.

Lo spostamento, parziale o globale, in un ambiente cloud vedrebbe nel Trunk SIP un alleato e non un ostacolo. A prescindere da quanto sia radicale il “trasloco” degli applicativi aziendali nella nuvola, avere a disposizione una pluralità di linee telefoniche virtuali non impatta sulla necessità di dover ridisegnare, integrandola, l’infrastruttura IT. Inoltre, analogamente a quanto avviene per l’allocazione delle risorse informatiche all’esterno, ogni modifica non si tradurrebbe nell’implementazione di un’interfaccia fisica aggiuntiva (un cavo in più, l’installazione di una postazione supplementare, l’attivazione di una nuova linea con meccanismi farraginosi). Sarà sufficiente rivolgersi al fornitore della soluzione di contact center, il quale (se dotato di apposita certificazione Trunk SIP) si limiterà a riconfigurare il software alla luce delle nuove richieste.

 

New Call-to-action

Software per Contact Center News